Under 14. Inizio difficile

Resoconto partita del 22/10/2016

ASTI – VOLVERA

Prima partita di campionato giocata dai ragazzi della U 14.

Purtroppo siamo solo in 14 per l’assenza giustificata di un ragazzo

L’Asti si rivela come da pronostici una squadra sicuramente più forte e preparata, i valorosi giallo neri provano a giocare “ nelle loro possibilità” ma nulla possono contro una squadra composta da giocatori con un’esperienza decisamente maggiore. Inesperienza, timori, paura, scarsa preparazione fisica, fanno si che il Volvera raramente riesca ad avere la palla in mano. Il punteggio finale di 133 a 0 è lo specchio di quanto emerso in campo.

La poca voglia di faticare, poca esperienza, mancanza di carattere sono tutti aspetti che devono e saranno sicuramente migliorati.

 

 

Resoconto partita del 29/10/2016

BIELLA – VOLVERA

Seconda partita di campionato per i gialloneri.

Sicuramente le tensioni e le paure rispetto alla prima partita sono minori, ma in una settimana non è certamente possibile cambiare una situazione di gioco “ che non esiste ancora”.

Anche contro il Biella, i gialloneri dimostrano i loro limiti; fisici ma soprattutto tecnici. Gli orsi di Biella segnano ripetutamente senza che i  volveresi riescano a ostacolare le azioni degli avversari. Solo nel secondo tempo un briciolo di grinta in più  permette ai gialloneri di portarsi in zona di attacco e varcare ripetutamente la linea dei 22 avversaria, senza però concretizzare alcune azioni portate avanti dai ragazzi che più di altri credono nella possibilità di far vedere ai biellesi che anche loro hanno ambizioni e possono crescere.

Sicuramente sono ancora molti quelli che devono prendere coscienza delle loro potenzialità ed esprimerle, in particolare nel fatto che il rugby è uno sport in cui la fatica e il sacrificio la fanno da padrona,

Il punteggio finale di 123 a 0 non premia i ragazzi, ma neanche li demoralizza, tanto che il viaggio in pullman diventa una buona occasione per socializzare e far “casino”.

Anche i genitori presenti, nonostante il punteggio finale si sono divertiti e hanno apprezzato gli sforzi dei loro figli.

Un grazie a tutti, in particolare a coloro che nonostante gli infortuni o i problemi vari sono stati presenti, permettendo così che la partita, con 15 presenti, sia valida per il computo delle partite utili per il contributo della federazione.