Serie C2 – Ritorno alla Vittoria

La Drola – Volvera 07 – 60

VolveraRugby: Aghemo(Parlatano),Ferraud(Murtas),

Michienzi,Racca (Giampaolo), Collura (Coppola), Collu, Delfino, Legnaioli

(VC),Francisetti (Cortese), De Giuli, Calza M, Porporato (Frattianni),Mascia,

Elera – Gutierrez (C), Calza F.(Di Palma).

Weekend in cui il Volvera Rugby era chiamato a riscattare il risultato negativo della scorsa Domenica e così è stato. La squadra di Coggiola e Musso non si fa distrarre dalla particolarità della partita (La Drola rugby è infatti la squadra della casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino, le cui partite si giocano in carcere dopo dei controlli serrati per l’ingresso) e gioca una buona partita ordinata, contro un avversario forte fisicamente e avvantaggiato dal campo ristretto.

Francisetti apre le danze con una meta, seguito in rapida successione da Porporato e Aghemo. È la velocità in campo, oltre che delle giocate efficaci dei trequarti, a garantire lo sfruttamento degli spazi creati al largo nella difesa avversaria. Da un errore di ricezione su calcio di inizio si sviluppa l’unica meta degli avversari, conquistata con orgoglio da un esperto n°8; ma da questo momento è il volvera ad avere in mano il pallino del gioco e a non lasciarlo più. La superiorità giallonera in Touche permette avanzamento costante, con ben due mete giallonere create da Maul avanzanti; due mete di De Giuli ed Elera-Gutierrez chiudono il primo tempo.

Il secondo tempo vede una girandola di cambi, che comprendono l’esordio
per Cortese e Coppola, ma la partita non cambia. Sono sempre i Trequarti a risultare particolamente in forma, e c’è spazio per le mete di Francisetti, due mete di Racca e una bella finalizzazione dell’ala Ferraud. È Legnaioli a segnare l’ultima meta della partita: risultato finale di 60-7 che non rispecchia la combattività degli avversari, a cui vanno i complimenti del Volvera Rugby. Il 2/12 i gialloneri chiuderanno il girone d’andata con una lunga trasferta a Farigliano, per sfidare i
cinghiali del Val Tanaro Rugby.